Abbiamo 26 visitatori e nessun utente online

"Ogni cosa che puoi immaginare la natura l'ha già creata" (Albert Einstein)
"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi" ( Voltaire)
"Il mezzo può essere paragonato a un seme, il fine a un albero; e tra mezzo e fine vi è esattamente lo stesso inviolabile nesso che c'è tra seme e albero" (Gandhi)

Secondaria A star bene ci si prova gusto

               Logo REG LOMBARDIA oriz.eps                      ERSAF RGB 1

PERCORSO DEDICATO ALLA SCUOLA SECONDARIA

Per la prima volta nella storia il peso delle patologie legate alla cattiva alimentazione e agli stili di vita sedentari ha superato quello delle malattie determinate da un insufficiente apporto calorico.

Nel chiederci perché il nostro cibo sia diventato così nocivo, dobbiamo prendere in considerazione il sistema agricolo. Le monocolture, i monopoli, i carboidrati con scarso valore nutritivo e le calorie sempre pronte… tutto è collegato.

Occorre quindi ragionare sull’intero sistema alimentare e domandarsi: se vogliamo una popolazione sana, su quali cibi dovremmo puntare di più? Cosa dobbiamo fare per garantire la produzione alimentare per la popolazione attuale e anche per le generazioni future, e per garantire un sistema agro-alimentare eco-sostenibile?

A queste domande cercheremo di far rispondere i ragazzi che verranno guidati ad un approccio che da un lato li aiuti a prendere consapevolezza del proprio rapporto con il cibo per orientarlo in modo sano e, dall’altro, permetta loro di contestualizzarlo in un ambito globale di relazioni, considerando la sostenibilità (direttamente legata all’impatto che le produzioni agroalimentari hanno sull’ambiente e sull’organizzazione sociale) come parametro qualitativo imprescindibile dei prodotti.

Qui di seguito descriviamo i possibili percorsi che approfondiremo nel territorio in base alle esigenze del programma scolastico e dei docenti delle classi aderenti.

 

MODE ALIMENTARI,PIRAMIDE DELLA MODERNA DIETA MEDITERRANEA E PRODOTTI TIPICI

Confrontiamo con i ragazzi i gusti alimentari e le abitudini familiari rispetto a quelle del passato (in particolare dei loro bisnonni nelle corti lombarde) e alle indicazioni della piramide della moderna dieta mediterranea, riflettendo sulle mode alimentari dei giovani di oggi influenzate dalla globalizzazione. Dalla pellagra all’obesità, cosa è successo? Partendo da tale confronto e dall’analisi delle possibilità che abbiamo a disposizione oggi per alimentarci, i ragazzi scopriranno i prodotti tipici del proprio territorio, indagheranno se e quali consumano nella dieta di tutti i giorni, impareranno a riconoscerli attraverso i marchi di qualità (DOP, IGP, STG…) e comprenderanno come possano concorrere a farci vivere in buona salute e in modo sostenibile per l’ambiente.

"GLI AMERICANI STANNO AFFOGANDO NELLE BIBITE!" E NOI? (JUNKFOOD E IPOCINESI).

Entrando in un qualunque supermercato, intorno a metà del pomeriggio, è sconvolgente scoprire quanti giovani adolescenti si muovano tra le corsie alla ricerca della merenda più invitante da consumare seduti su un muretto con gli amici. Quando è cambiato tutto? Perché i “quattordicenni” preferiscono giganteschi pacchetti di biscotti o patatine e bibite gassate alle grandi sfide motorie che vivevano i ragazzini di trenta/quarant’anni fa? Su quali sostanze ripiegheranno quando il piacere immediato del cibo spazzatura non basterà più? In questo percorso, rivolto ai ragazzi della scuola secondaria di primo grado, si vogliono dare gli strumenti utili per fare scelte corrette in termini di stili di vita. Mediante la visione di spezzoni di film documentario, esercitazioni pratiche ed attività interattive cercheremo di far capire quali possono essere gli effetti negativi del consumo continuativo di alimenti poco sani, come l’esercizio fisico possa dare gli strumenti corretti per relazionarsi in maniera positiva con gli altri, con l’ambiente e con sé stessi anche quando tutto cambia in maniera incomprensibile ed incontrollabile.

LA DOPPIA PIRAMIDE – Sano per te, sano per il Pianeta

Se da una parte l’importanza dell’alimentazione per la salute viene ogni giorno confermata da nuovi studi, dall’altra le ricerche degli ultimi anni hanno dimostrato che l’agroalimentare è uno dei comparti maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra e del consumo di acqua e la stretta relazione che esiste tra gli aspetti nutrizionali degli alimenti e gli impatti ambientali da essi generati nelle fasi di produzione e consumo. Possiamo quindi accostare la piramide alimentare alla piramide ambientale, mettendo in evidenza che gli alimenti di cui è consigliato un consumo più alto (frutta, verdure e cereali) sono anche quelli che hanno un impatto ambientale minore. Al contrario, gli alimenti di cui i nutrizionisti consigliano un basso consumo (dolci, carne rossa e formaggi) sono anche quelli che impattano di più sull’ambiente. I ragazzi scopriranno così la strettissima relazione tra due aspetti di ogni alimento -il valore nutrizionale e l’impatto ambientale e che, adottando un modello alimentare in come quello della dieta mediterranea, è possibile conciliare la salute della persona con quella dell’ambiente.

Proveranno poi a calcolare l’impatto pasto settimanale medio della classe attraverso l’impronta alimentare, ovvero quanto pesa sull’ambiente in termini di sfruttamento di risorse e inquinamento (dal campo alla tavola) il nostro modo di alimentarci. A partire da queste riflessioni realizzeranno un decalogo di buoni e consapevoli comportamenti alimentari per il proprio benessere e quello del Pianeta e proveremo a identificare dei modelli di pasti sani e sostenibili.

IL POMODORO GIRAMONDO - Approfondimento sulla globalizzazione

Il mondo è ormai un grande mercato senza frontiere nel quale vengono confezionati e distribuiti beni materiali, soldi, mode e stili di vita, ma soprattutto cibo. Ogni giorno per esempio mangiamo alimenti prodotti in luoghi lontanissimi da quelli in cui viviamo. Tutto ciò ha un peso più o meno importante in termini di impatto ambientale.

È importante per un consumatore attento saper leggere tali fenomeni e sviluppare un senso critico e civico che possano orientare in termini di giustizia e sostenibilità i nostri comportamenti quotidiani.

Proponiamo un percorso che conduca i ragazzi attivamente a comprendere che ogni attività ha ricadute e conseguenze su altri popoli e sull’ambiente, attraverso l’analisi di alcune filiere agro-alimentari e delle abitudini di consumo correlate.

Fase di conoscenza: “Mangio, ergo sum e consumo”. I ragazzi verranno guidati nell’analisi delle proprie abitudini quotidiane con il fine di scoprire come il loro stile di vita sia globalmente correlato. Utilizzo di giochi di ruolo per giungere insieme a dare una definizione della globalizzazione.

Fase della analisi critica: ricerca di aspetti positivi e negativi della globalizzazione i temi dell’utilizzo e accesso alle risorse, del costo della merce e diritti delle persone. Presentazione del commercio equo e a stili di vita sostenibili da un punto di vista sociale, economico e ambientale.

Associazione Battito d'Ali - via Gaggio 53, 22070 Senna Comasco (CO) - C.F. 90026780131 P.Iva 03124710132
Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons 3.0 Italia.

Privacy Policy